hellgarden Just another WordPress weblog

14/04/2008

ferite

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 23:43

quanti colpi può sopportare un uomo? quanti?ti alleni tutta la vita,ti fortifichi,ti prepari a sopportare e sopporti tutto;stringi i denti e prosegui davanti a te…continui imperterrito in mezzo ai cocci ai vetri ai proiettili al vento e alla sabbia

Continui,continui ogni giorno,centimetro per centimetro e avanzi,colpo su colpo,in faccia sulle braccia,sulle gambe al fegato.Ogni colpo è più forte del precedenti ma tu continuii..continui e continui finchè cè sangue,finchè hai un filo di fiato,finchè il dolore non ti annienta completamente,tu continui senza fermarti.Ma alla fine cedi,perchè il sangue finisce e tu cadi a terra..in quel momento tutti si chiedono cosa fai a terra,perchè non reagisci? e mentre ogni goccia del tuo sangue esce dai tagli sul tuo corpo ti aggrappi alla prima cosa che ti permette di rialzarti..io mi sono aggrappato all’odio.

01/03/2008

never free/never mee

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 03:45

in un altro posto,in un altro momento.

…il ragazzo scivolava tra il fango e il sangue rappreso di quello che una volta era un fiume,immerso fino al torace avanzava a fatica tenendo stretto il suo fucile senza munizioni,come il più antico dei tesori,le sue ferite piangono fino a baciare il fango,trascinandosi dietro un dolore muto e tutte le lacrime che il ragazzo non poteva versare.

New blood joins this earth
and quickly he’s subdued
through constant pain disgrace
the young boy learns their rules

il fango copriva interamente quella che una volta era una divisa,forse non lo era mai stata,i tagli sul petto ridevano di lui,come piccole bocche lo schernivano con sorrisi beffardi,lui incurante continuava a trascinarsi verso l’orizzonte,sperando di uscire da quella morsa senza fine.

Intorno a se  solo devastazione,vedeva alberi grigi protrarsi verso il cielo come a chiedere pietà,un cielo sempre grigio e scuro,che gli vomitava addosso almeno ogni 3 giorni la sua pioggia,rendendo il viaggio sempre più difficile in quella terra desolata,fu cosi che cadde in quella specie di fiume di fango,da dove ancora non riusciva a uscire. Alzò gli occhi e sospirò,un fiotto di sangue scappava dalla sua bocca,quello che che aveva sotto la lingua lo sputò in quel cancro marrone che lo intrappolava..i ricordi lo assalivano senza pietà,ricordava che partirono in tanti,forti uniti decisi,uno di loro si perse vicino a quel prato verde dove poter riposare,un altro mori cercando di salvarlo,ancora oggi non lo accettava;un altro ancora lo tradii vicino alla metà per il conforto di una donna.

Imprecò maledicendo la sua debolezza,doveva proteggerli e portarli con se,doveva avere più cura di loro.

they dedicate their lives
to running all of his
he tries to please them all
this bitter man he is
throughout his life the same
he’s battled constantly
this fight he cannot win

e ricorda quando la sua vita era diversa,quando quella guerra non doveva essere combattuta,quando era conosciuto e amato,poi quei giorni furono spazzati via,come onde che travolgono la sabbia;malediceva la guerra che aveva deciso di combattere,perchè pian piano era scomparso lui stesso,ridotto ad un guscio che conteneva un accozzaglia di sentimenti confusi e un pugno di lacrime;sognava un letto caldo e lei che gli scaldasse l’inverno,o solamente quel fottuto buco nero che lo divorava..

what I’ve felt
what I’ve known
never shined through in what I’ve shown
never be
never see
won’t see what might have been
what I’ve felt
what I’ve known
never shined through in what I’ve shown
never free
never me
so I dub thee unforgiven

dedicò una preghiera silenziosa ai suoi fratelli amati,e stringendo il fucile al petto prosegui deciso verso quel sentiero marcescente,verso se stesso o verso la fine.

25/02/2008

sonno..

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 02:18

inizio a percepire il sonno con una forma diversa dal solito,come un entità beffarda che nell’ultimo periodo ha la meglio su di me.

Solitamente il sonno mi snobba per tutte le ore notturne e mi accoglie alle prime luci dell’alba..ultimamente sembra diventare molto più insidioso..mi prende a orari strani,a volte anche di pomeriggio e mi distrugge qualsiasi parvenza di bioritmo..oppure si scatena pesantemente quando non voglio dormire(come stasera che nel viaggio in auto mi stavo addormentando ma non era carino nei confronti del conducente) costringendomi a dover lottare per poter salvare la faccia..sonno,perchè mi odi cosi?

30/01/2008

quando i lupi scompariranno..

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 00:23

i lupi,animali temuti dall’uomo fin dall’antichità,a volte venerati,a volte cacciati come bestie malvagie..molto di più che zanne e artigli.
i lupi spariranno,perchè i lupi sono stanchi e affamati,spesso non vivono più in branco e solitari cercano un orizzonte verde,dove vivere felici.
i lupi spariranno,non vi proteggerano più dai mali del mondo,sacrificando la loro vita.
non vi scalderanno nelle notti fredde e buie mentre dormite tranquilli sicuri dei loro occhi
non ululeranno alla luna segrete parole d’amicizia e verità.
perchè i lupi si stanno estinguendo.
rimarranno i cani,lupi senza orgoglio,sottomessi a un padrone,rimarranno gli sciacalli e banchetteranno delle vostre carni,come cercherete di avvicinarvi.
ma tanto nessuno si ricorderà dei lupi.

18/01/2008

buio

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 16:50

il buio..ultimamente lo sopporto di meno..e si che ci vivo da quando ho 8 anni, ma pare che i miei nervi non collaborino più,ma in certe sere mi avvolge e mi culla come un amica dal caldo abbraccio,mentre leggo sin city e fumo sigarette..una donna per cui uccidere.esiste davvero?credo che per ora ci siano solo donne che ucciderei per me.Forse sono solo uno stronzo ipocrita,niente di più,ma la solitudine che mi porto dentro non mi da tregua,e quando mi lascia stare si alterna all’odio,non è proprio una bella famiglia vero?.E se decidessi di andarmene da qui?in un posto dove la gente che si avvicina non se ne va dopo un po..un posto isolato..perchè qui ogni cm è pagato col sangue e io il sangue lo sto finendo.

11/01/2008

vengeance

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 15:57

dedicato a voi li fuori,che leggete questo blog,che prendete quello che vi serve e scappate..il mio odio non dimentica,sarete ricompensati.

Unchain your obscenity
Desirable enemy
Await my enlightening
Allow what your fate can bring

Now you’re caught inside my cage
You are the object of my rage
Sin, I wash you clean again
I’m your redeemer

Cause I
I live for your pain
I live for your pain
I’m dying

My victim you are meant to be
No, you cannot hide nor flee
You know what I’m looking for
Pleasure your torture, I will endure

Now you are rust inside my cage
you are the object of my rage
Blood, I wash you clean again
I’m your redeemer

Cause I
I live for your pain
I live for your pain
I’m dying

I’ll burn in your flame
I live for your pain
I’m dying
I’m dying
I’ll burn

Now you are rust inside my cage
You – the object of my rage
Blood I wash you clean again
I’m your redeemer
Be my believer

Cause I,
I live for your pain
I live for your pain
I’m dying

I’ll burn in your flame
I live for your pain
I’m dying
I’m dying
I’m dying
I’ll burn

helloween – i live for your pain.

e ora vediamo se qualcuno di voi ha le palle per postare qualcosa.

07/01/2008

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 00:21

mentre socchiudeva gli occhi,vide una figura nera,occhi rossi lo fissavano.
“ALZATI”
l’uomo non riusciva a mettere a fuoco la figura..
“ALZATI”
il tono freddo si infilò senza pietà nel suo petto..
l’uomo vide una mano tesa verso di lui,si aggrappò..
“bentornato figlio mio..forza cè ancora molto da fare,non puoi fermarti ora.”
la mano bruciava come catrame rovente,e cosi capii che l’odio era tornato per lui,l’uomo fisso gli occhi rossi della figura davanti a lui:
“sei tornato per me?”
“come sempre.”
la figura abbraccio’ il ragazzo come fa la notte con il giorno.
“ANDIAMO ORA.”
“si..”
un ruggito sordo alla bocca dello stomaco si espandeva dentro il corpo dell’uomo..come aghi che spingevano da sotto la pelle per uscire..barcollando si coprii la testa col ricordo di un cappuccio,e si rimise a camminare.

02/01/2008

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 13:14

pare che niente si destinato a cambiare,mai..non mi arrenderò cmq maniente cambia,la gente arriva,prende quello che vuole e se ne va,e sinceramente sta cosa mi ha rotto il cazzo..quindi fanculo il resto e ognuno per se stesso.

22/12/2007

faith

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 02:18

It’s been a long road – Getting from there to here.
It’s been a long time, but my time is finally near.

And I can feel the change in the wind right now
Nothing’s in my way
And they’re not gonna hold me down no more
No, they’re not gonna hold me now

Chorus:
Cause I got faith of the heart
I’m going where my heart will take me
I got faith to believe. I can do anything.
I got strength of the soul
And no one’s gonna bend or break me
I can reach any star. I got faith. Faith of the heart.

It’s been a long night, trying to find my way.
Been through the darkness now I finally have my day.

And I will see my dream come alive at last
I will touch the sky
And they’re not gonna hold me down no more
No, they’re not gonna change my mind

I’ve known a wind so cold. I’ve seen the darkest days.
But now the winds I feel are only winds of change.
I’ve been through the fire and I’ve been through the rain.
But I’ll be fine

Cause I got faith of the heart
I’m going’ where my heart will take me
I got faith to believe
And no one’s gonna bend or break me
I can reach any star. I got faith – faith of the heart.
It’s been a long road

a tutti quelli che mi sostengono ogni giorno,io nel 2008 voglio crederci,avrò fede.
ps:grazie guido grazie susy**

14/12/2007

fratelli…

Filed under: Uncategorized — mazinrage @ 04:49

li ho persi uno a uno come su un campo di battaglia,rimasto da solo con il fucile stretto tra le mani,seduto in mezzo al fango cerco dietro di me,ma non li vedo,i miei fratelli non ci sono,ognuno ha scelto una strada diversa da questa guerra,ognuno ha preferito una vita diversa da me,troppo pesante e ingestibile sono diventato per loro solo un peso,e mentre io imbracciavo il fucile e sparavo loro andavano per ogni strada,trovando felicità e fortuna,tristezza e dolore.
e ora che sono completamente solo so quanto mi mancano,ma in un certo senso mi sento tradito da loro e non voglio girarmi e tornare indietro a cercarli,ormai sono troppo sporco per loro,non voglio appesantirli ancora,però assieme eravamo invincibili..
questo post è dedicato ai miei fratelli,a quei fratelli che il tempo il sangue e le situazioni mi stanno strappando via,a voi dedico questo,perchè mi mancate e sempre vi vorrò sempre;ma non posso dirvele queste cose l’orgoglio me lo impedisce.
a Dina Iper TAISEN teo a voi che siete persone più che speciali.

One for all – All for one
We are strong – We are one

arch enemy – nemesis

…e il ragazzo prese il fucile scarico e corse contro i nemici,urlando a squarciagola.

« Newer PostsOlder Posts »

Powered by WordPress